Nonno Francesco all’opera

Si è concluso con un successo di adesioni anche il secondo appuntamento annuale della Duri i Banchi, sotto il “segno” del nuovo Presidente Daniele Rigano. I Duri si sono seriamente impegnati, già dalle prime ore del mattino, nell’organizzazione dell’incontro divenuto ormai appuntamento fisso.

Un grazie ai due ideatori e maggiori “contribuenti” di musetti: Giulio Fabbris, già grande maestro “dea sopressa”, e Bruno Cuogo grande rivale in un duello all’ultimo sangue mai dichiarato ma continuamente perseguito.

I racconti di Giulio e Bruno, grandi appassionati dei prodotti suini e di conseguenza esperti nella cultura del maiale e di tutti i suoi derivati, si seguono sempre con grande interesse, soprattutto perché loro sono pronti a tramandarli al Duro curioso.

Giulio e Bruno e gli altri Soci, arrivati alla spicciolata, hanno portato doni agli amici da assaggiare in compagnia; una damigiana di vino, un immenso salame, i consueti sottaceti giganti, il parmigiano, l’amaro e liquori fino agli immancabili dolci di Carnevale. Quest’anno purtroppo non abbiamo gustato i dolci della signora Vera in quanto il socio Rudi non ha potuto partecipare e ci siamo dovuti accontentare di quelli della pasticceria.

In attesa di ricevere anche dei vostri ricordi Piero Reis ed io vi alleghiamo una serie di foto della giornata.

Il momento più atteso l’ingresso dei “bigoi in salsa“, portati in tavola dai Duri Giulio e Bruno.