Osteria da Codroma Venezia

Osteria da Codroma dove i Duri i Banchi il 12 dicembre 1908 festeggiarono, con un grande pranzo, il 5° anno di Fondazione della Società.

Giovedì 19 giugno alle 13,30 esco di casa con 32 gradi all’ombra, destinazione ufficio di Giulio Fabbris al Lido di Venezia per una “consulenza informatica” che di questi tempi va molto di moda.

Solo un grande amico potrebbe farmi muovere da casa a quell’ora d’estate con quel sole e quella temperatura!

Prendo il vaporetto alla Ca’ d’Oro e riesco incredibilmente a trovare un posto a sedere a prua, in uno dei due posti proprio davanti alla cabina del Pilota, riparati dalla tettoia e conosciuti ed apprezzati solo dai veneziani come i migliori del vaporetto. Devo dire che nonostante tutto si stava porpiro bene.!  Ma non volevo parlarvi del mio viaggio con Actv ma di un’altra cosa.

Arrivo da Giulio, che mi attente come sempre sorridente, amo le persone che sorridono, e non appena mi siedo davanti al computer mi porge quella che sembra una pubblicazione e che tiene tra le mani come un gioiello. Mi dice: varda Renato te mostro ‘na roba che no sa nissun dei Duri. E mi porge un Menù pubblicato come un pieghevole su quattro facciate dove leggo; Società Duri i Banchi V° Anniversario, 12 dicembre 1908, ed in fondo alla pagina: Stamperia Scarabellin, Venezia. Ricerco subito in internet i riferimenti di questa Tipografia e trovo incredibilmente delle informazioni sula sua data di fondazione (attorno al 1903-4) e noto una intensa attività di produzione proprio in quegli anni (Puoi dare un’occhiata anche tu su questo link)

All’interno, nella prima pagina, un ricco menù con “tanto di cacciagione”, piatto molto in voga agli inizi del 1900, e si legge:

MENÚ

Brodo con Raviuoli (sì proprio Raviuoli)

Fritto Scampi e Calamari

Piccioni Bragiati con Risotto Legume

Allodole allo Spiedo con Crostoni

Gelato e Biscotti

Brignole alla Crema

Frutta

Formaggio

Caffè

Liquori

VINI

Padova Rosso Cantine Codroma Mira

Bianco Colle S. Martino Soligo

Reciotto di Valpolicella

Già dai primi anni di vita i “Duri” non si facevano mancare nulla, fiorse da quì la “nomea” di Società Magna e Bevi ?

Nella seconda pagina:

Amarsi Beneficare Divertirsi

In fondo alla pagina

Grande Ristoratore G. Codroma

S. Angelo Raffaele, Ponte Soccorso

Nel centro si trova una dedica scritta a mano:

Omaggio alla Società da parte dei “Duri” Ernesto Deana e Sergio Pajer. 8 maggio 1994

Giulio molto orgoglioso mi dice che questo menù viene tramandato da Segretario a Segretario fin dal 1908. E non a caso egli conserva così gelosamente questo cimelio. Ogni volta che lo guarda si emoziona, e gli piacerebbe molto pubblicarlo sul sito web della “Duri i Banchi” per dar modo a tutti i soci di conoscerlo.

Esaudisco immediatamente tale richiesta e pubblico le 4 facciate (che sono a colori di un verde acqua) e spero abbastanza visibili…

Il Menù come si presenta dalla prima pagina

Prima Facciata interna del Menù

Prima Facciata interna del Menù

 

 

Seconda Facciata interna del Menù

Seconda Facciata interna del Menù

Retro del Menù

Ultima pagina

 

Un grazie di cuore da tutti i Duri al socio Giulio Fabbris.