Scambio di doni, da sinistra Maurizio Luxardi presidente Duri i Banchi, Venin direttore e Luca Segalin presidente della Colonia Alpina San Marco

Scambio di doni, da sinistra Maurizio Luxardi presidente Duri i Banchi, Venin direttore e Luca Segalin presidente della Colonia Alpina San Marco

Pubblichiamo l’intervento del presidente della Duri i banchi, Maurizio Luxardi, in occasione della visita a Pedavena della Colonia Alpina San Marco.

E’ con viva soddisfazione che ho piacere a nome della “Duri i Banchi” condividere questa bella esperienza che ci vede simpaticamente protagonisti di una giornata di serenità e spensieratezza, ma pur sempre vicini al mondo delle diverse realtà di solidarietà sociale.

Il voler oggi, in questa speciale occasione, avvicinarsi a tale significativa Istituzione, rappresentata dalla Colonia Alpina San Marco, non è un caso: quest’anno per noi rappresenta un momento di particolare riflessione, ricorrendo il 110° di una storia saldamente fondata sull’attività di solidarietà sociale e di beneficenza.

Non era quindi possibile sottrarsi ad un così importante appuntamento, proposto dal lodevole Presidente -il nostro caro Luca- che in maniera appassionata e sincera ha inteso farci conoscere una tra le più antiche istituzioni del Comune di Venezia sorta a favore dei fanciulli bisognosi della nostra città.

D’altronde come non prontamente accogliere un tale invito proveniente da una così meritoria attività sorta nel solco della plurisecolare tradizione assistenziale della Serenissima dal cui spirito fortemente umanitario, anche la nostra Società, pur con ridotta presunzione, ha tratto ragione della propria esistenza.

E se ciò non bastasse, mi piace ricordare, quanto analoghe vicende originarie hanno curiosamente avvicinato tali due realtà in maniera quasi gemellare:

– nel 1898, su iniziativa della Lega degli Insegnati di Venezia, nasce il progetto di dar vita a ciò che sarebbe diventata la futura Colonia Alpina San Marco

– praticamente nello stesso periodo, qualche anno dopo, nel 1903 alcuni benpensanti veneziani si raccolgono insieme, sicuramente con uno spirito meno serio e scanzonato, per fondare una Società che ha però lo scopo di star bene insieme, per far del bene agli altri  ” AmarsiBeneficareDivertirsi , sarà la meta della Società Duri i Banchi

– nel 1904, il Comune di Venezia delibera l’assegnazione di “20’000 lire” per erigere nelle prealpi feltrine la sede della Colonia, che viene poi inaugurata nel luglio del 1907, grazie anche alla generosità del Comune di Pedavena che fornì gratuitamente l’acqua per tutta la durata della costruzione, eseguendo a proprie spese anche la condotta di adduzione.

Ed è entusiasmante constatare oggi, che entrambe queste meritevoli iniziative, chiaramente diverse nella portata delle rispettive funzioni benefiche, ma molto simili nello spirito di solidarietà, attraverso le molteplici vicissitudini storiche non sempre favorevoli, sono giunte sino ai nostri giorni più vive ed attive che mai, con più di un secolo di benemerita attività filantropica e caritatevole alle spalle.

Quindi, lunga vita alla Colonia Alpina San Marco e naturalmente lunga vita alla “Duri i Banchi” con l’augurio per entrambe, che i prossimi anni siano sempre più occasione di ben operare con amore per il benessere di chi la vita lo ha reso meno fortunato di altri.

Maurizio Luxardi presidente della Duri i banchi