Riportiamo di seguito l’articolo del Gazzettino di Venezia attinente all’ultima attività della “Duri i Banchi” .

 

IL GAZZETTINO

Mercoledì 11 Luglio 2012

 

ISTITUTO D’ARTE

Riconoscimento

alle iniziative

più originali

 

(L.M.) Ancora un successo per le borse di studio dei “Duri i Banchi” all’Istituto d’Arte dei Carmini. L’iniziativa, nata con un progetto triennale, insieme al preside dell’istituto, professor Giorgio Chiavalin, intende confermare l’attenzione della società ultracentenaria dei “Duri i Banchi”, costituitasi a Venezia il 12 dicembre del 1903, al mondo dei giovani, della scuola e della cultura.

La cerimonia di premiazione arrivata al suo terzo anno, si è svolta nell’aula magna dell’Istituto, alla presenza del direttivo del sodalizio, guidato dal suo presidente Luigi Danesin, socio numero uno del sodalizio dal 6 gennaio 1956, accompagnato dal vice presidente Maurizio Luxardi, Giulio Fabbris segretario e Cesare Folin, tassatore.

Sono state premiate Silvia Faggian (scelta tra le classi prime), Alice Visentin (per le seconde), Miriana Pavanetto (per le terze), Erika Coccato (classi quarte), Elisa Ruzzene (classi quinte). L’assegnazione delle cinque borse di studio per meriti scolastici è stata voluta perché i “Duri i Banchi” hanno lo scopo di promuovere e realizzare iniziative culturali ed assistenziali, idonee a sviluppare la socialità e il senso civico nelle sue forme più aperte ed elevate.

Particolare riguardo viene posta alla venezianità, inserita nel patrimonio culturale della città: dalle scienze, lettere ed arti, alle forme e discipline della sua vita sociale, delle tipiche attività economiche, dei suoi usi, costumi e colore locale. La scuola ha ricambiato l’impegno dei “Duri i Banchi” donandone un bassorilievo artistico molto apprezzato.